Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

26/06/16

SOLITUDINE NUOVA



Solitudine nuova 


È una solitudine nuova
Che spegne ancor di più 
Di un'eclissi di sole
O di un cielo tetro 
che oscura con le sue nuvole 
Un mezzogiorno d'estate
Che rabbuia ancor di più 
Il cielo sopra il mondo
Spegnendone le stelle 
D'una sera di primavera. 

È una solitudine nuova
Quella che m'assale,
Mi oscura,
Mi spegne...
Nonostante sia con te. 


Pino Palumbo
4 novembre 2015

4 commenti:

  1. Caro Pino, la bella poesia ci lascia un po tristi, ma sappiamo che anche questo fa parte della vita. Ciao e buona domenica con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. ciao Pino...ti riaffacci con questa triste lode?

    RispondiElimina
  3. Tutti siamo soli, anche in mezzo alla folla, specialmente quando chi vorremmo veramente con noi non c'è.
    La "solitudine nuova", cui accenna il brano, è proprio quella di chi prende coscienza per la prima volta di questa piccola o grande verità.
    Complimenti sinceri, Pino, per questi versi sentiti e originali.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Ciao Pino, con i miei sbalzi d'umore mi sento spesso così! La solitudine è dentro di me, e fa parte delle mie giornate.
    Un grandissimo abbraccio.

    RispondiElimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.