Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

13/04/16

UN GIORNO CHE NON C'È

Un giorno che non c'è



Vorrei vivere un giorno che non c'è
Dove l'esistenza non ha tempo
Dove tutto ha un inizio
E nulla una fine.
Vorrei vivere un tempo che non c'è
Dove il nulla non esiste
E dove tutto è il nulla
Vorrei vivere un momento che non c'è
Dove tutto è emozione
E ogni emozione è un brivido
Vorrei vivere in un sospiro
In un battito di cuore
Nello sguardo d'un sorriso
Vorrei vivere in una lacrima
Dello smeraldo dei tuoi occhi
E tra le labbra d'un tuo bacio
...perdermi.


Pino.



2 marzo 2016                                  ©Pino Palumbo                                Immagine da: Google*

*Chi ritenga di possederne i diritti e non volesse concederne la divulgazione, è gradita comunicazione.
Se invece acconsente alla pubblicazione su Vita e Poesia, sarei lieto di ricevere i relativi link di riferimento.

5 commenti:

  1. Vedi Pino, non ho voluto arrendermi, e ho trovato sulla sinistra che era scritto l'ultimo tuo post, se lo sarà sempre cosi lo troverò la prossima volta ma se cambi ancora!!! non sarà facile.
    Ciao e buona giornata, sotto la pioggia.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ciao Pino, ben ritrovato! Ora che (incrociando le dita) sembra che io sia ritornata abbastanza stabilmente sui blog, ti eri perso tu... Spero che sia tutto OK per te e per la tua famiglia.
    Ho molto apprezzato questi tuoi delicatissimi versi e spero di poterti leggere più spesso. Ciao!

    RispondiElimina
  3. Bellissima questa poesia Pino!Io mi ritrovo sempre dentro i tuoi versi.
    Sono felice di vedere che non hai perso il desiderio di scrivere, pur avendo un pò "abbandonato" il blog. Ne deduco che il tuo animo è sereno, per esperienza personale so che quando l'animo è in subbuglio, per qualsiasi motivo, non si riesce a scrivere le poesie.
    Grazie per avermi nuovamente emozionato. Buon tutto! G.Piera

    RispondiElimina
  4. La forza della speranza quando tutto sembra diventato piu difficile;la firza dei sentimenti che rompono le barriere del tempo e aprono spazi infiniti;la voglia di vuvere espressa dai sentimenti,fanno di questi versi un inno all 'amore come unico strumento per riscattarsi e credere in un oltre indefinito ma compiuto dalla forte carica emotiva. Quando la poesia supera il momento e lo eternizza.

    RispondiElimina
  5. Ciao Pino, scusa l'assenza ma qualche problema di vita ed un po' di pigrizia mi tengono lontano dalla tastiera. Forse mi ripeto ma le tue poesie mi piacciono tutte e spero in un'ulteriore pubblicazione. Buona settimana.

    RispondiElimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.