Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

08/06/15

BISOGNA PERDERSI PER RITROVARSI




Guardate questi ragazzi....

Sono compagni di scuola, ragazzi di una classe di tanti anni fa. Ragazzi che pensavano soprattutto a divertirsi spensieratamente, ad ogni piccola occasione...come una pronuncia in inglese un po' strampalata, un termine in un italiano improbabile o, perché no, un'interrogazione andata male (e questi riferimenti NON sono assolutamente casuali! Molti di noi ci si sono riconosciuti ...)
Erano ragazzi che forse non avevano ancora nemmeno il "loro sogno nel cassetto", che forse non avevano nemmeno la minima idea di ciò che sarebbe stato il loro futuro. Ragazzi di "belle speranze" certamente, ma ciò che importava di più era l'oggi...massimo il domani. Nessuno di certo pensava cosa e chi sarebbe stato 35 anni dopo! e io non ho voluto chiederlo a nessuno di loro; poco m'importa sinceramente se qualcuno di noi abbia o meno raggiunto i propri obiettivi o soddisfatto le proprie aspettative di vita. Quel che più importa è stato rivedersi e potersi raccontare quelle gag che tanto ci avevano divertiti e sapere che chi più chi meno se la passava in fondo discretamente. Poter rivivere alcune ore delle nostre vite, ancora insieme. Quel che importa (e non credo che nessuno dei ragazzi di quella fotografia scolorita lo pensasse allora) è che oggi si era di nuovo tutti qui; a parte alcuni assenti giustificati e pochissimi ingiustificati.
A parte lei che non è qui con noi e non potrà esserlo nemmeno nei prossimi incontri/raduni... se mai ce ne saranno ancora (io spero di cuore che ce ne siano ancora!), l'unica che non potrà mai essere "un'assente ingiustificata" ...purtroppo. Il più grosso abbraccio va a Te Caterina. Spero che anche tu, da lassù, abbia potuto gioire insieme a noi per questa splendida serata. 

Sì perché è stata veramente una serata speciale, durante la quale i "ti ricordi? o...vi ricordate?" erano l'inizio di quasi ogni racconto e le risate... il prevedibile finale. È stata una serata emozionante per un nostalgico come me e ne porterò nel cuore la giusta e positiva "malinconia" per un po'. È stata una serata dove mi sono sentito dire al telefono che "i miracoli accadono"... solo perché stava sentendo la mia voce... perché non le pareva vero fosse potuto, prima o poi, succedere. È stata una serata magica, perché anche tutti gli assenti, giustificati e no, erano lì con noi, tra i nostri racconti, i nostri ricordi, le nostre emozioni e malinconiche nostalgie...e soprattutto tra la gioia dei nostri abbracci e delle nostre risa!

Ci siamo promessi di riviverla, una serata così, ma senza assenti possibilmente! né giustificati né tanto meno ingiustificati!"  ...e questo è il nostro "avvertimento" a chi manca nella foto sottostante. "Attenzione che i nostri "segugi" si sono messi già al lavoro! ...E vi troveranno ...sì che vi rintracceranno, statene certi!" 



È stata una serata splendida e vi ringrazio tutti ragazzi, per aver contribuito affinché sia stato possibile viverla. Tutti insieme, per la prima volta ...dopo più di 35 anni!

È stata anche una serata di molta delicatezza e sentimenti... e la delicatezza, tornando a casa in auto solo, con la mia musica (Pink Floyd...per i curiosi! ...o gli smemorati), mi ha fatto venire in mente una piuma ...E questi versi scritti un po di tempo fa, che credo esprimano in modo sintetizzato sì, ma anche in modo molto "denso" ed esplicito, il nostro incontro:


La piuma del tempo

Volteggia leggera
la piuma del tempo
finché con armonia
e delicatezza ...
si ri-posa (ancora)*
sulla nostra vita.
......
Volteggia leggera
la piuma del tempo
finché con melodia
e dolcezza...
si staccherà (ancora)*
dalla nostra vita.

(Pino Palumbo - 2014)

Un abbraccio a tutti...con tanto e sempre vivo affetto

* Alla versione "originale" sono stati aggiunti i due "ancora" tra le parentesi, adattandosi così alla perfezione alle impressioni pensate e provate, ripensando alla vostra...nostra euforica allegria.

08 giugno 2015                            ©Pino Palumbo                            Foto scattate* ed elaborate da ©Pino



P.S. - Questo avvenimento mi ha dato la possibilità di ritornare momentaneamente a scrivere, perché credetemi! ...valeva proprio la pena che io ne raccontassi l'emozioni.


37 commenti:

  1. Quando ci si perde smarriamo la nostra identita' di uomini, tutto sembre confuso e irreale, è nel ritrovarci fratelli che si ritorna a nascere (poesieinsmalto)

    RispondiElimina
  2. 35 anni! È stato emozionante leggere questo post...non c'è sempre tanto tempo a disposizione per ritrovarsi, come per Caterina...dovremmo ricordarcene!

    RispondiElimina
  3. Ciao Pino.
    È bello leggere con quanto entusiasmo hai vissuto questo giorno con i tuoi "vecchi" amici.
    Però comprendo anche chi non è venuto magari per motivi di vita e con la paura di vivere sensazioni contrastanti...
    I tuoi versi sono splendidi, li adoro praticamente...sono leggeri, come piace a me.
    Abbraccioni amico mio. Smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto entusiasmo e emozione!
      Grazie per il gradimento ai versi Pia.
      Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  4. E' stato bello leggere il tuo post. Se i ricordi sono piacevoli è estremamente piacevole rincontrarsi.
    Ma ancora più bello è che tua abbia avuto voglia di tornare nel tuo blog per raccontarci.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è stato davvero piacevolissimo!
      Piano piano...la voglia ritornerà credo...
      Grazie a te Mariella.

      Elimina
  5. Quella precoce follia
    dell'esistenza e dell'essere,
    nel mondo ingenuo
    e inconsapevole,
    tra le righe della mente,
    e il sereno risuonar del cuore,
    malinconica riemerge
    dall'onda anomala
    della mia quotidiana sofferenza,
    e mi colma le vene
    di ardente desiderio
    di alzarmi e volare lì,
    dove tutto si compie,
    tra lacrime e risate,
    negando vecchi pregiudizi
    e nuovi rancori,
    in questa sospesa
    terra di nessuno,
    che ha il ricordo quale arenile
    del mare di amicizia e unità,
    oltre i nonostante tutto.
    Vibranti dal mio sguardo
    schizzano le gocce
    di passione e di sentimento,
    verso quest'altro mio corpo,
    la mia classe,
    mio vanto
    e quotidiana riflessione
    e nutrimento.
    Non mi do pace
    per non esserci anch'io,
    prigioniera di me stessa
    e del mio destino,
    incubo quotidiano
    e quotidiana pacificazione.
    Dal talamo del dolore allora
    metto le ali della pace
    e volo, libera,
    tra le braccia di ognuno
    nell'intimo godimento
    del ritrovarsi.

    Daniela

    P.S. grazie della bella espressione lirica della tua poesia.

    8 giugno 2015

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riesco a percepire le emozioni che hai provato e che descrivi egregiamente con la tua poesia Dany. Conoscendo...conoscendoti, riesco a "sentire" quello che vuoi esprimere e "vedo" ancora nitidamente quello che descrivi nei versi
      "...precoce follia
      dell'esistenza e dell'essere,
      nel mondo ingenuo
      e inconsapevole,
      ..."
      E' splendida questa strofa! Racchiude veramente tutto quello che era "quel nostro mondo" ..."quei...noi"!
      Il resto mi racconta di una tua "attualità" che mi rattrista un po' purtroppo, ma come ho detto, conoscendoti so della tua forza e la leggo nel finale, in queste parole
      "...Dal talamo del dolore allora
      metto le ali della pace
      e volo, libera,
      tra le braccia di ognuno
      nell'intimo godimento
      del ritrovarsi."

      Ti voglio bene Daniela.
      Un abbraccio.

      Elimina
  6. Ritrovarsi ancora a sperare, a lottare
    come se nulla fosse mutato,
    come se il nulla fosse cancellato,
    ritrovarsi oltre il buio della nostra sofferenza,
    oltre la parvenza del vuoto che lacera l'istante,
    ritrovarsi uniti, indivisibili
    impercettibile presenze che cercano il proprio domani...... (poesieinsmalto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Annamaria per il duplice intervento.
      A presto.

      Elimina
  7. Della serie "come eravate!".
    Trentacinque anni sono tanti, però non mi sembrate molto diversi da allora, soprattutto tu.
    Forse sarà il tuo spirito, la tua sensibilità, la tua voglia di vivere ad averti preservato dal triassico (perchè in teoria dovresti essere nell'età triassica).
    E penso che Caterina c'era, presente in tutti voi.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ragazzo!
      Se per triassico intendi "nell'età di mezzo" e non come "preistorico" ok...la risposta è sì...altrimenti vorrei ricordarti che finora mi sei stato molto simpatico! :)
      Ciao Xavier.
      Grazie.

      Elimina
  8. I partecipanti e "gli assenti giustificati" mi hanno inviato le loro emozioni e sensazioni con "altri canali". Hanno provato a commentare qui, ma il sistema non gli teneva i commenti. Ho chiesto a qualche "amico blogger" se ne immagina il motivo, ma non mi ha saputo dare spiegazione. Rinnovo qui la mia richiesta, così se qualcuno può essere d'aiuto gliene sono grato. Tenete conto che nessuno di loro è registrato come blogger e forse questo conta o come inesperienza o dal punto di vista tecnico.
    Mi permetto e ho piacere di inserire i loro commenti ricevuti affinché possano essere conservati e approfitto per ringraziarli ancora in modo univoco, per il loro gradimento. Grazie ragazzi. Ringrazio Daniela invece, unica ad essere riuscita a lasciare un suo pensiero, e che pensiero! Dopo 35 anni scopro che anche lei ama la poesia! E che versi...avete letto?!

    RispondiElimina
  9. 06/06/15 Mauro:
    Buongiorno ragazzi!!!! Una serata bellissima volata via in un attimo!!!! Quando c'è la compagnia giusta il tempo passa che è un piacere. Grazie di tutto!!!

    RispondiElimina
  10. 06/06/15 Marcello:
    Buongiorno a tutti grazie per la bellissima serata , emozionante!! Non mi ricordavo più che razza di b....ravo ragazzo che è Seba! Grandi tutti ! Buona giornata

    RispondiElimina
  11. 06/06/15: Lucio:
    Buon giorno amici la canzone e per noi tutti .siete magnifici siam tornati giovani in una serata. Un ringraziamento particolare a seba che ha dato l'input affinche questo succedesse. Ma volevo fare un plauso particolare alla nostra nonnina manu che si é fatta un bel 400 km per esserci; segno di grande sensibilità e umanità..non a caso era la prima della classe. Grande manu..un perdono a chi poteva fare qualche sforzo in più per esserci . sperando ci sia alla prossima. E poi chi come dany e ivana troppo lontane che avrebbero voluto esserci ma logisticamente un po problematico partecipare. A loro e agli altri assicuro che non eravate presenti fisicamente ..ma mentalmente eravate dentro ognuno di noi.grazie a tutti e alla spero prossima ..e come dice la canzone Amico assoluto..renato zero mitico. Baciiii������

    RispondiElimina
  12. 06/06/15: Paolo: Grazie a tutti per le forti emozioni che mi avete fatto provare.
    Sia a quelli che erano presenti fisicamente che a quelli che sono stati presentati con il loro cuore.��

    RispondiElimina
  13. 06/06/15: Valter:
    Ciao ragazzi un saluto a tutti, ieri sera è stata veramente una grandissima serata, un abbraccio a chi non c'era....

    RispondiElimina
  14. 06/06/15: Enza:
    Ciao a tutti i miei compagni. è stata una bella serata, indimenticabile. Mando un caro abbraccio a tutti e anche a quelli che non sono potuti venire. si rifarà a presto.

    RispondiElimina
  15. 06/06/15: Daniela:
    Ciao a tutti e un abbraccio forte forte a ciascuno. Siete troppo belli! E tanto cari! Credo che l'asse Roma/olbia ieri sera sia stato inondato da un fiume di lacrime miste a una grande gioia ed enormi emozioni. Io credo nei miracoli, e ieri sera ne è la dimostrazione. Quindi credo, spero, lo voglio con tutte le mie forze (!) in una serata prossima tutti insieme. Vi voglio bene. ❤

    RispondiElimina
  16. 08/06/15: Paolo:
    Grazie Pino per aver ricordato Caterina

    RispondiElimina
  17. 08/06/15: Annamaria:
    Ciao Pino anche io ho letto le tue bellissime parole. Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. 08/06/15: Enza:
    Pino mi sono commossa per quello ci hai dedicato sei un poeta grazie ti abbraccio.

    RispondiElimina
  19. 08/06/15: Lucio:
    Bravo pino grande sensibilità .condivido le tue emozioni.

    RispondiElimina
  20. 08/06/15: Sebastiano:
    Grande Pino.Hai espresso con precisione ciò che pensiamo tutti noi...

    RispondiElimina
  21. 08/06/15 Valter:
    Bravo pino, parole che escono dal cuore (h)

    RispondiElimina
  22. 08/06/15 Emanuela:
    Ripeto quanto già espresso dagli altri...ma davvero hai dato voce ai nostri pensieri! Bravo Pino!! (h) (h) (h) (h)����

    RispondiElimina
  23. 08/06/15 Laura:
    Nooooo troppo forti !!!
    Ho visto i video ma i messaggi mi sa che li leggerò durante le ferie
    cheer cheer cheer

    RispondiElimina
  24. 09/06/15 Pino Palumbo:
    Ciao ragazzi. Grazie per i complimenti che mi avete fatto, ma ho solo espresso quello che ho provato. Mi sarebbe piaciuto che le vostre impressioni le aveste lasciate nei commenti sotto il post. Lì sarebbero rimasti per sempre come ricordo...almeno fino a quando non eliminerò il blog.

    RispondiElimina
  25. 09/06/15 Mauro: Mi sembrava di averti scritto sul tuo blog....ciao Pino!!!

    09/06/15 Annamaria: ...Ciao Pino Stavolta non sono riuscita a lasciarlo sul blog. l'ho caricato 2 volte ma non me l'ha preso.

    09/06/15 Lino: L'ho fatto anch'io Pino ma non lo prende.. Felice di averti ritrovato

    09/06/15 Annamaria: Anche Mauro dice di averlo lasciato li..c è qualcosa che non va

    RispondiElimina
  26. 09/06/15 Lino: Tutto ok Pino.. Il blog mi è piaciuto..complimenti sinceri

    09/06/15 Pino Palumbo: Grazie. Peccato non averti rivisto l'altra sera...

    09/06/15 Lino: Chiedo scusa a tutti ovviamente, a un certo punto il telefono nn la smetteva più di tintinnare mi sono fermato e mi sono visto i filmini di Rosetta e foto varie, le mie espressioni passano dal sorriso alla commozione ... Vi vedevo all interno di un telefono senza potervi riabbracciare uno x uno.. Un tuffo al cuore da lasciarmi senza parole.. Sono d accordo con voi la prossima nn deve mancare nessuno..e Caterina nn mancherà mai ...

    RispondiElimina
  27. 09/06/15 Daniela:
    Io ho pianto e riso (poco) tutta la sera, guardando i video. ...avessi avuto le ali.....

    RispondiElimina
  28. 09/06/15 Lino:
    Un mix di emozioni indescrivibili

    RispondiElimina
  29. 09/06/15 Daniele: Ciao a tutti, Pino ti ho lasciato il commento sul blog ma no so se si vede.

    10/06/15 Pino Palumbo: Ciao Daniele, no non c'è.
    Visto che siete in tanti ad averlo fatto e di nessuno però compare, cercherò di capire come mai e vi scriverò l'eventuale soluzione...

    10/06/15 Emanuela: Pino è successo anche a me...ieri avevo scritto un commento. ..ma non si è salvato....

    10/06/15 Rocchina:
    Grazie di cuore ❤️ Pino ...... Ho letto ma non sono riuscita a pubblicare riproverò nei prossimi giorni ciao a tutti

    RispondiElimina
  30. Adesso credo che ..."la serata sia completa!"
    Anche le vostre impressioni, quelle più dirette e comprensibili,
    resteranno qui e non andranno perse. Ecco perché ho voluto inserirle.
    Grazie ancora e se qualcuno vuole aggiungere qualcosa...Si accomodi pure!
    Ciao.

    RispondiElimina
  31. Caro Pino, tu sei stato, sei e sarai per sempre il mio unico, grande, sensibile, gentile amico del cuore. E nel mio cuore c'è un trono per te, fatto di poesia, umiltà e riconoscenza. Grazie che esisti. Non cambiare mai. Ti voglio tanto bene anche io,
    Daniela

    RispondiElimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.