Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

21/06/13

STOP

"... E nella luce pura vidi
diecimila persone e forse più
persone che parlavano senza dire nulla
persone che sentivano senza ascoltare
persone che scrivevano canzoni che mai sarebbero state cantate
nessuno osava, disturbare il suono del silenzio

 

"Sciocchi", dissi, "non sapete
che il silenzio cresce come un cancro ...?"

Stralcio dal testo di: Sound of Silence -  Simon & Garfunkel


Shhhhhhh!!!…


Graffi che lacerano

… gl'occhi, la mente

e il cuore.


Macigni che cadono

… e schiacciano lo spirito,

l'animo e il pensier proprio.


Fulmini che inceneriscono

… se a ciel sereno!

devastano l'amor proprio.


Tuoni che violentano

… con il loro fragore

la quiete dei silenzi.


2-scimmie-matita

Graffiti che sporcano

… se non sono artistici!

i muri dell’esistenza.


Bagliori che squarciano

… con la loro violenza

il buio dell’essenza.


Parole...

come graffi e macigni!

Parole...

come fulmini e tuoni!

Parole...

come graffiti e bagliori.


Parole...

che dette e scritte

violentano la realtà,

ledono il perbenismo?

Allora taciamole,

o meglio...

non udiamole!

...certe parole...

…profane...

... dite voi ...


Spesso bisognerebbe saper parlare, io per primo! ... Altrimenti bisognerebbe stare zitti.

Spesso si dovrebbe saper ascoltare, io per primo! ... Altrimenti tappiamoci  le orecchie.


Pino Palumbo

21 Giugno 2013


Elaborazione immagine web: Pino Palumbo

Titolo: Zitto!…e tu non ascoltare