Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

28/11/15

PAROLE SCRITTE SULL'ACQUA


Parole scritte sull'acqua 

Pensieri ormai sterili 
Attraversano la vita
Emozioni afone
Risuonano in me. 
Parole come scritte
Con le dita sull'acqua 
O urlate da una vetta
S'una vallata deserta. 
Parole sussurrate
Ad orecchie sorde
O tradotte in lingue
Di civiltà antiche. 
L'anima è spoglia
Vuota è la mente
E freddo è ora il cuore
Appena palpitante.
Come passi di suole lisce
Su lastre vetrate 
Come parole scritte
Da dita sull'acqua
Dell'emozioni vissute
Non vi è più alcuna impronta... 
Quasi nessuna traccia 
... ne resta.


Pino.


7 aprile 2015                                       ©Pino Palumbo                                    Immagine da: Google*

*Chi ritenga di possederne i diritti e non volesse concederne la divulgazione, è gradita comunicazione.
Se invece acconsente alla pubblicazione su Vita e Poesia, sarei lieto di ricevere i relativi link di riferimento.


9 commenti:

  1. Sulla tomba di John Keats nel Cimitero Anacattolico di Roma c'è scritta una frase voluta dallo stesso poeta “Qui giace uno il cui nome fu scritto sull’acqua” .
    Stati d'animo ed emozioni vissute anche dal grande poeta inglese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo questa particolarità... e chiedo scusa per l'ignoranza, ma non conoscevo neppure il poeta.
      Grazie Ambra per la tua assidua presenza nel mio blog. Ne sono molto felice come onorato.
      Buona domenica.

      Elimina
  2. Momenti particolari, in cui il pensiero sembra aver cancellato le tracce del passato e richiudersi in un solitario vuoto....per poi ricominciare
    Molto intensa ed espressiva, questa tua, Pino,un caro saluto,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'animo sensibile della poetessa ti fa leggere tra le righe Silvia...
      Grazie anche a te per la "fedeltà".
      Buona giornata.

      Elimina
  3. Di parole pronunciate invano purtroppo ce ne sono tantissime, ma sapere che anche se vengono scritte non servono a nulla rende tristi. Caro Pino in questa poesia hai colto in pieno un aspetto della vita ed un male della società odierna, dove tutti vogliono parlare, ma pochi sanno ascoltare e "leggere" nel cuore di vive accanto. Bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ripeterei con quanto scritto su a Silvia e quindi ti ringrazio semplicemente per il tuo "animo portico" e per la tua voglia di venire a leggere ogni mia pubblicazione.
      Un abbraccio. Ciao Piera.

      Elimina
  4. Mi hai fatto venire il "magone" .
    L'augurio di una settimana meno cupa di quella trascorsa.
    enrico

    RispondiElimina
  5. Ricambio qui gli auguri di Buone Feste e la ringrazio del suo intervento sul blog la vostraarte in quanto di la non 'e piu' possibile scrivere avendo superato il numero massimo di commenti.Noto con piacere un bel scrivere in versi ma come gia detto mi soffermero' con piu' calma sulle sue esternazioni letterarie.Di nuovo auguri.

    RispondiElimina
  6. Oggi caro Pino oltre ha essere la festa del papà è pure il tuo compleanno!!!
    io ti faccio per entrambi tanti e tanti auguri!!!
    Tomaso

    RispondiElimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.