Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

07/11/14

TEDIO

Tedio

Come una nuvola
il ricordo
passa lentamente
e si ferma.
Il cielo è ora tedio
e il frastuono
e il bagliore,
del tuono
e della folgore,
t'investono
la mente e il cuore.
È forte il dolore!
È lacerante...
e il furore t'assale.

Si squarcia il cielo
e trapassa il bagliore
ed è ora un sipario
che aprendosi
riappare il sole
...sereno ricordo
dell'immediato presente...



Pino Palumbo
7 novembre 2014

18 commenti:

  1. Spesso diversi eventi (anche naturali come in questo caso) provocano evocative metafore e paralleli. Bellissimo trarne spunto, provocazione, memoria, o anche semplice monito o scintilla per una ripartenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie franco per la tua precisa analisi ai miei versi.

      Buona domenica.

      Elimina
  2. Una bellissima metafora della vita, emozioni forti come gli eventi della natura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il gradimento Costantino ...come sta procedendo la votazione?
      ...vorrei evidenziare (colonna a sx) a te e coloro che passano da qui, che ce n'è una in atto che mi riguarda.

      Ciao e buona domenica.

      Elimina
  3. Come sempre caro Pino le tue poesie, ci entrano dentro di noi.
    Grazie caro amico di averla condivisa.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ringrazio te caro Tom per il tuo sempre puntuale e piacevole grafimento che esprimi.
      buona domenica.

      Elimina
  4. Il cielo con i suoi cambiamenti ci ammalia, ci incanta, ci fa sognare e fa parlare l'anima e il cuore!
    Emozionante poesia!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Beatris.
      buona domenica.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Una esortazione la tua dalle molte interpretazioni ...ed io i tuoi puntini li sostituisco con molti "obiettivi"
      ...per questo apprezzo molto il tuo commento gianna...anche se condensato in 5 parole è molto ampio per me.

      Buona domenica

      Elimina
  6. Suppongo forse a torto, che questo tuo sentimento che da cupo sembra poi tornare sereno abbia un significato allegorico che solo tu puoi conoscere. Buon fine settimana
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, caro Enrico, non hai torto. Cartamente è una rappresentazione d'allegoria. Mi piace spesso affiancare metaforicamente alcuni sprazzi di vita a manifestazioni della natura... credo che rendano molto bene la realtà.
      Ciao e grazie per il tuo intervento.

      Elimina
  7. Più tetro e cupo e il cielo.più azzurro e luminoso il giorno dopo sarà
    complimenti vivissimi ciao buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice innanzitutto di ritrovarti qua Tiziano!
      Guardiamola da un'altra prospettiva:
      Più azzurro e luminoso è l'oggi, più tetro e cupo può sembrare ieri.
      ciao.
      buona domenica.

      Elimina
  8. Attimi di inquietudine, sollecitati da un antico ricordo,e superati dal colore intenso d'un nuovo giorno....
    Buona serata, e un sorriso, Pino,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Precisa la tua considerazione Silvia.
      Grazie.
      Buona domenica

      Elimina
  9. A volte un temporale, una giornata grigia, una tempesta, un lampo ci evocano avvenimenti lontani.
    Che siano essi dolorosi o gioiosi sono attimi che si affacciano ai ricordi e ci trattengono solo alcuni istanti. Giusto il tempo per mettere per iscritto sensazioni come quelle che hai scritto.
    Ciao e a presto!

    RispondiElimina
  10. Un' altra bella prova che convince immediatamente, alla prima lettura.
    Il testo sembra di quelli che si creano d'istinto, procedendo col togliere, piuttosto che col mettere, dunque il brano è poco più d' un sonetto e le parole sono essenziali e schiudono un mondo d'immagini, nella fattispecie quelle di un tedio che sembra riguardare un momento preciso e non la vita intera.
    Il mio plauso sincero.

    RispondiElimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.