Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

18/09/14

SENZA AMORE



Un'umanità senza sentimenti, emozioni ... Amore!

E' possibile che possa esistere! Basta eliminare, cancellare le memorie di tutti gli uomini così da farne scomparire "il ricordo".

Oggi parliamo di cinema. Questo è uno dei più bei film che io abbia visto negli ultimi anni.
Un'umanità proiettata nel futuro, alla quale gli "anziani" hanno cancellato e "confinato" la memoria oltre una linea di delimitazione. In assenza di essa non vengono percepiti sentimenti, emozioni e non si conosce nemmeno cos'è l'Amore. Non esistono libri proprio per non permettere di conoscere il passato. Affinché non si provi dolore, pena e si viva in una sorta di "benessere dello spirito". Non avendo memoria non si conoscono nemmeno i profumi, i colori e le sensazioni che questi procurano. Non si possono avere contatti fisici e non si conoscono sensazioni semplici, ma intense, provate anche dal tocco delicato dei fiocchi di neve, o dalla melodia della musica, perché...non esistono!
Si vive in un mondo in bianco e nero, senza inquinamento, senza violenza, senza soprusi apparenti; ognuno ha un proprio compito nella società che viene stabilito fin dalla nascita. Nascite che vengono programmate, anzi ci sono persone destinate al compito di "creatori" i quali "figli" vengono inseriti poi nelle "famiglie" prescelte. Un meccanismo di civiltà, di vita che funziona "alla perfezione". Ognuno ha un proprio compito dicevamo e uno di questi è "l'accoglitore" colui che custodisce la memoria e la biblioteca dei libri che narrano del passato dell'umanità, a cui solo lui può attingere.
Arriva il momento dell'avvicendamento dell'anziano "accoglitore" che diventa così "il donatore", che dona appunto le memorie dell'umanità al nuovo "eletto".
Il ragazzo prescelto per questo compito però è "curioso" e non si accontenta di acquisire le informazioni che gli vengono trasmesse, ma vuole "conoscere" anche ciò che le persone "provavano".
Se fino a qui poteva sembrare "banale(?)" ... monotono(?), ecco che la storia prende una "profondità d'animo" che coinvolge e ...emoziona!
Trovo che il contenuto sia di uno spessore entusiasmante e pone un semplice e grande interrogativo all'umanità, a noi....Interrogativo rimarcato con un condensato di pochi minuti, forse un paio al massimo in cui vieni risucchiato letteralmente da una sequenza di immagini mixate magistralmente e in modo geniale, lasciandoti senza fiato per la velocità di proiezione e per la commozione che creano, fino ad arrivare alla fine improvvisa della storia e del film. E ti resta quell'interrogativo, per il quale il messaggio è: "ora scegli tu...cosa è meglio..."

Il film è: "THE GIVER - IL MONDO DI JONAS".
Il cast non comprende attori di fama (almeno credo) a parte alcune apparizioni della sempre bravissima Meryl Streep e l'interpretazione splendida di tre giovani ragazzi. E fate attenzione, perché la trama che si legge nei vari "rotocalchi" NON induce ad andarlo a vedere (io stesso sono andato a vederlo, perché mi sembrava il "meno peggio" di quelli proiettati nella giornata!). Questo cast pressoché sconosciuto ha però interpretato magnificamente un film coinvolgente e che assolutamente consiglio agli amanti delle storie mozzafiato, ai ribelli e agli appassionati della forte azione, ma anche a chi ama emozionarsi e magari commuoversi.

A chi l'ha visto chiedo di esprimere le proprie sensazioni e emozioni suscitate.
A chi non l'ha visto gliene consiglio la visione e poi, se vi va ... parliamone.

Ho ricordato che scrissi questa poesia qualche tempo fa. Beh! nel "suo piccolo" potrebbe essere un'anticipazione ... Può essere "raccontata" in questo film. In un certo senso avevo anticipato la mia risposta all'interrogativo! Se andrete a vederlo, pensate a questa mia poesia e ditemi se non è così.


Se si spegne l'amore  (qui)

Si spegne la luce
e la stanza, la città,
il mondo...
sono invasi dal buio.

Si spengono perfino le stelle
e la luna quando è sera,
il sole dell'alba e dei tramonti
e con loro i sogni di giovinezza.

Si spegne la gioia, la passione e la felicità,
il coraggio, l'intraprendenza,
la coerenza, l'amicizia e la vitalità
e si perde ogni essenza.

Si spegne il lampo negl'occhi,
il sorriso sul viso e tutto il sentimento,
il cuore non più sussulta
e allora comincia dell'anima il tormento.

Se si spegne  l'amore, 
lo spirito e tutto il firmamento,
è il buio totale dell'umanità
e lo sprofondo dell'uomo
...sarà...


Pino Palumbo
15 Novembre 2013

Programmazione pubblicazione post: 18 settembre-10,30

Immagini da: Google

.

22 commenti:

  1. Caro Pino, molto bella queta poesia, risveglia in tutti noi qull'umanità che abbiamo lasciato assopire senza accorgersene.
    Sono versi veramente profondi, io non ricordo di averla letta.
    Grazie che la ai condivisa con tutti noi.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...l'hai anche commentata con piacere e gradimento Tom...grazie ancora per questa tua condivisione.
      Ciao.

      Elimina
  2. So di ripetere un concetto arcinoto, ma l'amore - nelle sue diverse accezioni - è il motore del mondo.
    L'amore per il partner, ad esempio, è un sentimento che asserve a sé tutte le energie della persona.
    Tutti, chi più chi meno, hanno provato qualcosa del genere, rimanendo in balia delle emozioni del momento e trovando difficile dedicarsi ad altra attività, diversa da quella di dedicarsi al proprio amato.
    Ecco perché il contenuto della poesia esprime una grande verità: la fine dell'amore corrisponde ala fine dell'entusiasmo e persino della gioia di vivere.
    Ora io non posso entrare nello specifico della pellicola che hai voluto segnalarci - ché ancora non l'ho vista - ma mi sembra vi sia un nesso molto stretto con i tuoi versi "lievi" ed allo stesso tempo appassionati.
    Un cordialissimo saluto.

    P.S.
    Ho appena commentato anche il post precedente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora una volta siamo concordi allora...caro Antonio.

      Ciao.

      Elimina
  3. Innanzitutto complimenti per la nuova grafica Pino. Poi complimenti per la recensione di un film che fa riflettere e più di tutto un plauso per la lirica dove parli di una semplice, grande verità....
    Mi permetto di condividere nella comunità Splendidi, spero ti faccia piacere. A presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per averla rilevata Gabrielle.

      Grazie anche per il gradimento e la condivisione del post.

      Ciao.

      Elimina
  4. La vita senza amore è priva di tutti quei presupposti armonici che sono il motore fumante del cammino e in questi versi , colmi di riflessioni, hai lasciato percepire, con stile, al lettore, quanto questo sentimento sia importante
    Sempre bello leggerti, Pino, trascorri uno spensierato fine settimana e un saluto,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre bello per me leggere il tuo gradimento Silvia.
      Ciao

      Elimina
  5. Ho visto il trailer ufficiale di questo film e mi ha enormemente affascinata. Credo proprio che cercherò l'occasione per andarlo a vedere. Credo inoltre che susciti, in alcuni casi inquietudine, perchè per noi è impensabile vivere un'esistenza priva di emozioni e di colore. Se si spegne l'amore si spegne la luce quindi la vita.
    Un caro saluto Pino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente Carla...se vai a vederlo, mi piacerebbe sapere le tue impressioni.

      Ciao

      Elimina
  6. Non ho visto il film e non so se ho capito bene, ma se si cancellano i ricordi, l'amore, i sentimenti, non si cancellano solo il dolore e le sofferenze, si cancella tutta un'esistenza. Si trasforma una persona reattiva in un malato di Alzheimer.
    Molto appropriati i tuoi versi.
    Buona giornata Pino
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...proprio quello che non vuole accada il protagonista...che si cancelli un'esistenza!

      Grazie Enrico per il gradimento ai versi.

      Ciao

      Elimina
  7. Non avevo intenzione di vedere questo film perché non mi aveva incuriosito. Adesso mi hai fatto dubitare.

    Buon venerdì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo dubbio è lecito Kylie....come ho scritto anch'io sono andato a vederlo senza avere una grande curiosità...poi...
      Se vai a vederlo, mi piacerebbe conoscere la tua opinione.
      Ciao

      Elimina
  8. Bravo! Il film non l'ho visto, ma i sentimenti che emergono dalla tua poesia mi paiono proprio in linea con la tua descrizione del film. Lo andrò a vedere senz'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che ti piacerà!...fammi sapere le tue impressioni...

      Ciao Ambra

      Elimina
  9. Vita vana, senza amore...il film dev'essere emozionante e i tuoi versi l'hanno proprio anticipato.

    Buona serata, Pino.

    RispondiElimina
  10. molto bella la poesia!!!! ciao, buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina.
      Buona giornata.
      Ciao

      Elimina
  11. Un'umanità senza amore, sentimenti ed emozioni è un'umanità sterile, che continuerà a vivere nel buio di una mediocre nullità!
    Un abbraccio e buona domenica.
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sintesi del mio pensiero e del senso che ha la pellicola.

      Un abbraccio e una buona settimana Xavier.
      Ciao

      Elimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.