Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

21/09/13

SILENZIOSAMENTE GIUNGI

Silenziosamente giungi




Quietamente giungi
Nel silenzio profondo
E abbandoni all'oblio.

Invadi la mente
Offuschi la ragione
E precludi il desio.

Silenziosamente giungi
E allontani dal mondo
Tu...dolce sonno.


Pino Palumbo
9 Agosto 2013
                                                                         

26 commenti:

  1. bellissima questa .....semplice lineare senza tante righe .....hai descritto il sonno come dovrebbe essere e in molti casi è .....e questo cmq succede quando il nostro io sta bene ed è rilassato.....si vede che eri in ferie quando l'hai scritta ....anche se magari questo sonno ti giunge anche a casa ma c'è proprio quella sensazione di tranquillità .....

    p.s. certo che se le ferie ti hanno conciato cosi ..fisicamente parlando .... è meglio che la prossima volta tu le faccia più brevi.....sorrido.....buon w.e. un'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione ...quando si è in pace con se stessi il sonno arriva sereno...

      Tranquilla!...non sono ancora a quel punto!...ahaha

      Caio e buona giornata.

      Elimina
  2. ciao Pino, molto musicale e dolce questa poesia, complimenti, sembra una ninna nanna, che ci porta man mano ad allentare le redini per abbandonarci nelle braccia di Morfeo, ciao a presto rosa, buon week end.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosa...beh se avessi difficoltà ad addormentarti...puoi sempre ...recitartela...imparala a memoria quindi!...che ne dici?!...ahahah
      Ciao a presto.

      Elimina
  3. Meno male l'ho letta ora che è mattina :-)... letta di sera è troppo rilassante e mi sarei addormentato sulla tastiera ahah.
    Bravo Pino buon fine settimana
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti do lo stesso "consiglio" che ho dato a Rosa...caro Enrico...così possiamo risparmiare un pò di...valeriana...ahah
      Ciao è un piacere.

      Elimina
    2. Non ci avevo pensato... Sai quanto mi costano le gocce per dormire... Ahahahah

      Elimina
  4. Bravo Pino, sale un'aura dolce dalle tue parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco chi s'intende di poesia...
      Grazie Ambra. Piacere di rileggerti.

      P.S. Rosa...Enrico...sto scherzando ovviamente!

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Dolce e rilassante questa poesia Pino, quando lui arriva, piano piano ci abbandoniamo e siamo tutti così così vulnerabili in quel momento...
    Un abbraccio Pino, e buon w.e. :-)

    P.S. avevo sbagliato parola... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è proprio vero Betty...Per me quel momento è...piacevole...proprio perché ti spogli di tutte le "prepotenze" della vita e sei appunto più vulnerabile...
      Ciao e buona giornata.

      Elimina
  7. Sempre bellissime le tue poesie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'apprezzamento Melania.
      Ciao e a rileggerti presto.

      Elimina
  8. Caro Pino,
    la poesia è piacevole, dal sapone vagamente foscoliano, in una parola: riuscita; eppure mi lascia un po' perplesso la figura che la correda, che smuove al riso, in quanto un po' buffa. Non trovi anche tu? ^_^
    Con stima e simpatia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonio...immagino che tu volessi dire..."sapore" e non sapone...anche perché non credo siano state mai rese note le abitudini igieniche di Ugo...
      A parte gli scherzi Grazie per l'apprezzamento e, per quanto riguarda l'immagine, è volutamente un po buffa, proprio per essere in contrapposizione con i versi invece...seri! per come spiegato sotto.

      Ciao. Buona settimana.

      Elimina
  9. Questi versi semplici, rilassanti, musicali e lineari come alcuni di voi scrivono, non vogliono limitarsi alla descrizione dell'attimo in cui stiamo passando alla fase di sonno, magari in modo pacato e piacevole, ma vogliono esprimere uno stato interiore in un determinato momento della vita (certo agevolato dal trovarsi in vacanza!...ammettiamolo!) di: semplicità, rilassatezza, e perché no, di dolcezza!
    Grazie.

    RispondiElimina
  10. Per me giunge sempre silenziosamente: il mio handicap (sono sordomuto) mi avvantaggia!
    Un saluto
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Xavier...felice di trovarti qui!
      La tua autoironia ti fa onore!...ma abbiamo già parlato altrove del bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto!
      Ciao e a rileggerti presto.

      Elimina
  11. Pino, come sai, per me è difficile rilassarmi... Per questo non riesco a commentare questi versi. Mi piace la frase, "allontani dal mondo"... perchè quando si dorme, dimentichiamo per un po' i nostri problemi. Grazie come sempre, serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te Ale...più che dal mondo...ti auguro che tu riesca ad allontanarti sovente da ciò che ti affligge.
      Ciao

      Elimina
    2. Ci sto lavorando Pino... mi auguro qualche cambiamento in positivo... ma ci vuole tanta pazienza e forza di volontà. Complimenti per l'Angolo... verrò a leggerti anche lì... Ti stai allargando alla grande!!! Un abbraccio e grazie di essere passato a trovarmi.

      Elimina
  12. come mi capita ogni tanto,faccio a pugni con il tuo blog,non ritrovo il mio commento
    .Le tue parole mi trovano sulla stessa lunghezza d'onda,il sonno riesce sempre a cancellarmi le "storture"di una giornata e per rimanere in tema:BUONANOTTE

    RispondiElimina
  13. Talvolta abbandonarsi ad un sonno ristoratore è un piacere per l'anima....beato è il sonno che giunge lieve, silente e facile, cosa che non mi capita così sovente come invece vorrei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che hai "passeggiato" tra i mie versi...e questo mi fa profondamente e sinceramente piacere.
      Ciao Paola

      Elimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.