Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

04/07/13

UN PO DI SILENZIO PER FAVORE

Un pò di silenzio per favore


 

Che frastuono che c'è là fuori ...

gente che s'affanna

e urla senza parlare

assorda senza urlare.

 

Che frastuono che c'è nel mondo ...

popoli che protestano

e bombe che esplodono

rappresaglie che uccidono.

 

Che frastuono che c'è nel cuore ...

battiti che t'assordano

ti sbattono nelle tempie

e palpiti frenetici.

 

Che frastuono che c'è ...

fate tornare la "monotonia"

uccidete la paranoia

e chi s'affanna ...

intorno alla vita mia!

chi altera dei nostri cuori i battiti

e chi con rappresaglie e bombe

uccide gl'uomini e crea i martiri.

 

Che frastuono che c'è ...

e tutto è assordante!

un pò di silenzio per favore

... spegnete la radio,

... spegnete la televisione,

... spegnete i pc del mondo,

e sopprimete l'urlatore ...

chiunque esso sia!

 

Che frastuono che c'è ...

tutto diventa assordante!

persino il battito d'ali d'uccelli silenziosi

e pensieri intimi di uomini ansiosi.

 

Che frastuono che c'è là fuori ...

e urlando vi chiedo … sopprimetelo!

... tutto questo rumore!

... in silenzio invece vi dico

... sussurrando … sottovoce

... per favore.


Pino Palumbo

4 Luglio 2013 


Foto di: Pino Palumbo - Alpi tra Italia e Francia






23 commenti:

  1. Spesso fare silenzio fuori contribuisce a far silenzio dentro di sé; soltanto così è possibile comprenderci e comprendere gli altri, le loro istanze, le loro necessità.
    Purtroppo, amico mio, c'è un tale malessere f*uori*, che costringe ad urlare e questo "frastuono" è difficile (se non impossibile) da annullare; cosìcché, anche un tenue battito d'ali diventa assordante!
    Sarebbe bello, come tu auspichi, spegnere tutto: radio, televisione, computer, ma è un'utopia, a meno che non ci si tappi le orecchie e non si chiuda il mondo fuori.
    Un cordialissimo saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Antonio...è una poesia un pò utopistica, ma con tutto il malessere che c'è intorno, si cerca ogni tanto un pò di silenzio!

      Ciao. Graditissime come sempre le tue considerazioni.

      Elimina
  2. condividendo il pensiero di guard. del faro .....aggiungo solo che molte volte siamo noi a fare di un dito un grattacielo ......e ascoltiamo anche il minimo silenzio ......
    se chiudessimo il mondo fuori ...vivremo solo per il nostro egocentrismo ......e allora cosa serve vivere? vivere serve per ascoltare e riuscire ad ascoltare qualsiasi rumore per poi dopo trasformarlo in qualcosa per gli altri e per noi stessi alla fine ........

    scritta meravigliosamente bene .....buona giornata pino .....un'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...se chiudessimo il mondo fuori...ogni tanto vivremmo in "tranquillità!"...se questo vuol dire essere egocentrici...io un pò a volte lo sono!

      Io cerco sempre di trasformare anche il più lieve dei "rumori" in qualcosa di "positivo"

      Ciao e grazie per il gradimento finale.

      Elimina
    2. questo è il mondo in cui viviamo e queste sono le mani che ci sono state date. Usiamole e iniziamo a provare a trasformarlo in un posto in cui valga la pena vivere - Land of confusion (Genesis)

      http://www.youtube.com/watch?v=ZujuYiweht8

      Elimina
    3. Mi piacciono moltissimo i Genesis, ma preferisco altri loro pezzi...
      Ciao.

      Elimina
  3. Ciao Pino bel monologo per l'umanita',complimenti, se ci soffermassimo ogni tanto, come hai fatto tu in questi tuoi intimi pensieri esaurienti, ad analizzare il mondo o semplicemente la vita nel nostro piccolo, ci renderemmo conto che giornalmente siamo assaliti e bombardati da un'infinita' di eventi e situazioni stressanti, ingiustizie disgrazie, e' una lotta per la sopravvivenza, ogni mezzo e' lecito, vince chi grida di piu' ed e' piu' furbo degli altri, siamo talmente abituati a tutto questo avvicendarsi negativo che quasi non ci fa piu' effetto, siamo quasi apatici, succubi,demoralizzati, tutti piu' o meno pensiamo e vogliamo le stesse cose, pace serenita salute'e amore, altrimenti verrebbe la voglia di dire..fermate il mondo, voglio scendere...
    ciao grazie molto profonda e bellissima, bravo, buon pomeriggio rosa.)
    la foto dei monti rende bene l'idea del silenzio.grazie del video.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì...spesso cara Rosa i miei versi sono dei "monologhi" verso qualcosa o qualcuno! La mia speranza è che arrivino a segno anche solo un decimo...e ne sarei già soddisfatto!
      Condivido quanto scrivi e...sì è vero a volte viene proprio la voglia di dire "fermate il mondo che voglio scendere!...sai in effetti era un pò il succo di questa poesia! e come al solito i tuoi commenti così dettagliati e precisi, testimoniano che comprendi sempre molto i miei versi.

      Ciao e grazie.

      Elimina
  4. Ciao Pino, ormai questo terribile rumore, che anche spegnendo tutto dentro di te lo sentirai sempre, solo quando si spegnerà l'odio e l'ira che ce nel mondo forse allora avremo un po di vero silenzio dentro di noi,
    buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. Nel silenzio possiamo cogliere le sfumature della vita e parlare direttamente al cuore!
    Complimenti è una poesia incantevole!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...definirla "incantevole"...non è un po troppo?!...ma mi fa piacere ovviamente!
      Ciao

      Elimina
  6. ...e ogni tanto..."bisognerebbe spegnerlo il mondo"!
    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  7. Ciao Pino,
    il tuo brano potrebbe definirsi uno sfogo, legittimo naturalmente, perché viviamo in un mondo troppo chiassoso, che sembra aver dimenticato il valore del silenzio e dell'ascolto rispettoso.
    Per il resto, sono d'accordo col Guardiano e con Rosa (sempre molto brava nel saper cogliere il senso più profondo delle poesie).
    Con simpatia.
    Giovy

    RispondiElimina
  8. Ciao Pino,
    il tuo brano potrebbe definirsi uno sfogo, legittimo naturalmente, perché viviamo in un mondo troppo chiassoso, che sembra aver dimenticato il valore del silenzio e dell'ascolto rispettoso.
    Per il resto, sono d'accordo con Rosa che è sempre molto brava nel saper cogliere il senso più profondo delle poesie.
    Con simpatia.
    Giovy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto Giovy...dovremmo ritrovarlo quel valore...e ascoltare un po di più...rispettosamente...noi stessi innanzitutto e gli altri ovviamente!
      Grazie per essere passata...
      Una buona giornata

      Elimina
  9. ...proprio oggi ho lettoo un bellissimo reportage sulle Meteore in Grecia ed ho sognato una vita da eremita! Molto attuali e necessari dunque trovo questi versi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh...eremita proprio no...ma un po di silenzio interiore...aiutano a ritrovarci!
      Ciao Marina.
      Grazie per essere passata

      Elimina
  10. Un inno al silenzio nel frastuono del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e ce n'è davvero tanto di frastuono Costantino!

      Grazie per essere passato.
      Ciao e buona settimana

      Elimina
  11. Ma che meraviglia Pino , una delle migliori poesie che io abbia letto..
    Lo dico piano sussurandolo, senza voler disturbarti...
    Ciaoooo::))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici davvero Nella?! ....beh ne sono felice!
      Ciao e buona giornata

      Elimina
  12. Ciao Pino,
    imploro il silenzio insieme a te, che hai un'anima così sensibile...
    ... ci sono momenti in cui del silenzio sento un bisogno quasi fisico...
    ... nella sidebar del mio blog potrai trovare la riprova a quanto affermo...

    Ti abbraccio!

    M@ddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione cara M@ddy!

      ...vado a vedere...ciao
      Buona giornata

      Elimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.