Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

16/07/13

TORINO


Vorrei oggi fare un post diverso dai miei soliti post.

Innanzitutto la poesia non la scrivo, ma ne inserisco direttamente una scansione. E’ del 1979, scritta durante gli “anni di piombo”, l’epoca delle “Brigate Rosse”. Anzi non è nemmeno stata scritta come poesia, ma allora scrivevo anche dei testi che un gruppo musicale di amici, poi provava a musicare e cantare.
Ma cominciamo … dalla fine! … Torino oggi per me …




Vorrei parlarvi della città in cui vivo fin da quando ero solamente un bambino.


Ho sempre considerato Torino una città “fredda” e non solo per il suo clima davvero rigido nella stagione invernale, ma proprio dal punto di vista relazionale. Una città “chiusa” a riccio come  per
autodifesa dal mondo esterno.


Ma questa era la mia sensazione del passato! Oggi devo ammettere che apprezzo molto di più Torino.
Non so se è cambiata lei come città, o se sono cambiato io. Probabilmente ho modificato le mie prospettive d’osservazione e valutazione. Sicuramente la guardo con occhi meno “pretenziosi” ed ho aspettative certamente meno “goderecce”.


Ora anche nelle grigie giornate d’inverno mi pare sempre che profonda un pò di calore e spesso si veste di bandiere e colori per arricchire questa o quell’altra iniziativa “culturale o sociale”.

Le sue strade e le sue piazze del centro sono sempre piene di gente che passeggiano, chiacchierano e si trasformano spesso in quei salotti di un tempo dove la gente amava incontrarsi.


I suoi numerosi e artistici portici ...



sono sempre frequentati da ragazzi, come se fossero sempre in “gita scolastica”.


              Purtroppo non sono solo loro le persone
              che si incontrano passeggiando lì sotto!





















 … ma queste sono altre storie!


Dovunque si rivolga lo sguardo si è sempre di fronte a visioni architettoniche affascinanti.


In qualsiasi palazzo si entri, si gode di un’artistica ed emozionante visione!
L’atmosfera artistica e architettonica  è quella d’altri tempi, anche se ormai Torino è una città moderna ed europea a tutti gli effetti.

Belli sono i suoi palazzi, come incantevoli sono i suoi tetti,

i suoi fiumi che la rendono ricca di parchi e alberi ovunque, a partire dal Po e dal suo Parco del Valentino.

Le sue vie pedonali strette e buie, del centro storico soprattutto, e i suoi monumenti … numerosi monumenti! che testimoniano quanto, secondo me, Torino è … una città dalla grande storia, che ha saputo vivere il suo recente passato e che sta cercando con altrettanto maturità e caparbietà, di superare il critico (dal punto di vista economico-sociale) presente, proiettandosi sempre con più slancio positivo verso il futuro!

(Vi pubblico qui una sola cartolina con alcune immagini da me scattate e composte in puzzle che ben rappresentano Torino).




E ora veniamo al mio scritto … Non la ritengo una bella poesia, di quelle che emozionano, segna però un periodo storico, come ho scritto in testa, ed è inerente al contesto del post. Non voglio quindi apportare alcuna correzione, che rileggendola dopo 34 anni! … onestamente farei! In questo testo c’è scritta tutta la “mia considerazione contradditoria”, che esiste appunto quasi da sempre, per “la mia città adottiva”
Vi prego d’osservate bene la preistoria … è scritta con la vecchia “Olivetti” su di un foglio ad anelli A4 … ormai ingiallito dal tempo!

image

Bene! …se sei arrivato fin qui vuol dire che sono riuscito ad appassionarti!

Grazie per il tuo gradimento ... e per la tua pazienza.

... e se vuoi altre immagini, sicuramente più belle, osserva il video qui sotto.

Pino Palumbo





Tutte le foto di questo post sono di: ©Pino Palumbo
Collage ed elaborazioni realizzate da: ©Pino Palumbo
Poesia: Torino grande città - 1979 - ©Pino Palumbo













27 commenti:

  1. Molto bello questo post, complimenti Pino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie molte...spero di rileggerti presto
      Ciao.

      Elimina
  2. Bellissime le foto della tua città e molto ricca la descrizione. Forse come chiusura a riccio, rassomiglia un po' alla mia. Le città devi praticarle e conoscerle, per alcune come la mia ci vuole un po' di più perchè la gente è riservata. Poi però esce la sua essenza e umanità che credo sia quella di ogni città. Ognuna ha i suoi tempi e le sue bellezze. Molto interessante la tua poesia, che fotografa un periodo delicato della nostra storia. Buona serata a te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Saray...sono d'accordo ovviamente.
      Non ricordo qual'è la tua città però!...ma hai ragione...tanto sono un pò tutte uguali!
      Ciao

      Elimina
  3. La prossima volta che visiterò Torino ricorderò queste tue parole e ne guarderò l'anima. L'anima di una città che può dare calore umano grazie ai tuoi ricordi, anche nelle giornate di grigiore e pioggia. Grazie infinite caro.. un abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Ely...è stato un pò troppo lunga la tua assenza ultimamente...come mai?!
      Sono contento di rileggere di te.
      Ciao

      Elimina
  4. Ciao Pino, premetto che non mi piacciono le grandi città, ma solo perchè mi manca il senso d’orientamento… mi perdo facilmente.
    A parte questo, credo che Torino sia una città molto bella, la delinquenza si trova ovunque ormai, ma Torino è anche ricca di storia e arte; penso sia uno dei maggiori centri universitari, culturali e scientifici del nostro paese…
    Riguardo alla gente, io trovo sia molto chiusa, non parlo solo di Torino, ma in tutto il nord, comunque sia non possiamo aspettarci l’apertura che ha la gente del sud…. che è una qualità innata in loro...
    Mi piace molto la tua descrizione dell’attuale Torino, come pure la tua lontana poesia, fatta di esternazioni negative… ora però hai fatto il bilancio, hai imparato ad amarla, piano piano in tutti questi anni te ne sei innamorato, e penso che lei ti ricambi con altrettanto “affetto”
    Ma oltre questo io credo che tu l’amavi anche prima, anche se non riuscivi ad ammetterlo.
    Un abbraccio, ciao Pino, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e io facendo parte della "della gente del sud"...concordo con te!
      Forse è proprio questo che me l'ha fatta considerare così per molto tempo. Oggi devo dire che mi piace molto!...e hai ragione...come ho scritto...c'era una certa contraddizione in me...
      Cia Betty.
      Grazie per il tuo commento...aperto al dialogo che purtroppo dobbiamo circoscrivere a poche righe.

      Elimina
  5. Ah... dimenticavo... complimenti per il reportage, belle foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...niente di speciale...sono fatte con il il cellulare...mentre sono in giro per lavoro...quindi...ritraggono ore e giornate "lavorative"...quindi più vere e reali.
      Ciao.

      Elimina
  6. Ciao Pino, bellissimo post e bellissime immagini, con altrettante belle considerazioni, probabilmente cambiamo noi, vediamo le cose diversamente in base all'eta' e alle priorita', le tue parole e l'atteggiamento verso questa citta' mi sembrano d'affetto e ammirazione, orgoglioso per quello che ha significato e per i programmi futuri, contrariamente alla poesia giovanile che mi sembra un po' pessimistica, ma bisogna considerare i tempi, ciao grazie bella carrellata interessante e bel video, buona serata rosa.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì...Rosa...bisogna considerare i tempi e ...la giovane età! AVEVO NEMMENO 17 ANNI!...SCUOLA SUPERIORE...UN'ADOLESCENZA IN UN'EPOCA PARTICOLARE E TUTTO IL RESTO ....

      Ciao Rosa grazie per il gradimento.

      Elimina
  7. bel reportage...ottimo lavoro da grande conoscitore di Torino.

    RispondiElimina
  8. Complimenti Pino per questo post.Sono stata a Torino in marzo e concordo con te,a me è piaciuta moltissimo.Meravigliose le foto.Ciao e spero di rileggerti presto.Olga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Olga...sono passato da pochissimo a leggerti!
      ...bella Torino neh?!...ahahah
      Ciao

      Elimina
  9. Non ho mai visitato Torino, ma l'ho ho sempre considerata una città laboriosa e dal clima un po' freddo.
    Chi ci è stato sostiene che è una città molto interessante, sia da un punto di vista etnico che urbanistico.
    La tua poesia sulla città risente di una sensibilità prettamente giovanile e anche dell'obiettiva difficoltà di abitarvi in un periodo difficilissimo per tutto il paese.
    Complimenti per il servizio fotografico, veramente a livello professionistico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del lusinghiero commento Antonio...il reportage è fatto con il cellulare, quindi niente di che, ma forse piace perché essendo foto fatte durante ore e giorni lavorativi (mentre sono in giro per lavoro) la ritraggono nella realtà di tutti giorni e non per/da vacanzieri.
      Concordo sulle tue impressioni e per la poesia/canzone...beh...leggi sopra nella risposta che ho lasciato da Rosa

      Ciao e grazie della tua cordialità

      Elimina
  10. ecco torino a me sconosciuta ....e come molti penso si vede questa città un pò come l'hai descritta nella poesia /canzone ,,piena di industrie e criminalità ...e questi in tempi passati andavano a braccetto ....dove c'era ricchezza c'era anche chi cercava di rubarla .....oggi penso che sia una città come tante .....e come tante bisogna guardarla per quello che offre.....e da quello che vedo non è male ...palazzi che restano con l'impronta del passato e non rimaneggiati dai colori più accesi ....potrei dire una città che si veste di "passato" almeno nell'architettura ......non ci abiterei mai ...ma questo anche a milano roma napoli o in qualsiasi altra città preferisco l'odore e profumo della campagna e la montagna ....ma per una visita e una passeggiata potrei anche venirci .....d'altronde devo ancora scoprire una parte d'italia che non mi piace ......abbiamo un paese meraviglioso solo che molte volte non ce ne accorgiamo.....buona giornata pino ...un'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...era la mia percezione-considerazione di allora 17enne...
      Oggi è molto diversa obiettivamente e mi sembra che nel post lo sottolineo...
      beh...mi dispiace che torino faccia parte di quella "...parte d'italia che non mi piace..." così scrivi!...aahaha sono sicuro però che quando la visiterai, se mai lo farai, cambierai idea.
      ciao.

      Elimina
  11. Decisamente in antitesi fra loro sono il tuo modo di vedere la Torino del 1979 e la Torino di oggi, così come tu l'hai descritta e fotografata ... con amore, direi.
    Forse è proprio il nostro modo di rapportarci con le cose, con i luoghi, con le persone, a farcele apparire in un certo modo ostili.
    E tu Pino, oggi, questa Torino che allora ti appariva dura, fredda e chiusa, tu la ami.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Krilù...è proprio così!
      ...e in effetti come ho scritto in conclusione al post...In questo testo c’è scritta tutta la “mia considerazione contraddittoria”, che esiste appunto quasi da sempre, per “la mia città adottiva” …
      Grazie per il tuo passaggio...adesso ancora di più!
      Ciao

      Elimina
  12. Ho amato e odiato questa città fino a sentirla nello stomaco.
    Sono solita ascoltare Il Cielo su Torino anche più volte al giorno.
    Stupenda nella suo modo di essere precisa, assolutamente piena di meraviglie da scoprire.
    Chissà perché non l'ho mai sentita fredda, forse perché chi mi condotto alla sua scoperta era assolutamente solare.
    Mio marito non la conosce e mi ripete spesso: " Allora ma quando andiamo?".
    Grazie per il tuo reportage.. mi hai fatto ritornare a pensieri lontani.
    Un abbraccio
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cielo su torino (piace molto anche ame!) era la prima canzone che avevo pensato di mettere nel post...poi ho optato per quella di Venditti perché parla direttamente della città...
      Sono contento che ti abbia portato a pensieri lontani...e da come scrivi direi piacevoli.
      Un saluto e a rileggerci presto
      Ciao.

      Elimina
  13. Sai, oltre che in poesia, te la cavi molto bene anche in prosa e con la fotografia. Sono stato a Torino solo una volta, pioveva da matti e quindi non ho visto quasi niente, salvo la Mole Antonelliana. Spero di potermi rifare un'altra volta. Ciao.

    RispondiElimina
  14. Torino! Così vicina a noi del Ponente di Liguria, non fosse altro che tanti amici e conoscenti vi hanno frequentato l'Università. E quanti torinesi, da sempre si può dire, qui al mare. Ma dagli scritti, come il tuo, di chi la conosce meglio, c'é sempre qualcosa di vitale da imparare.

    RispondiElimina
  15. Io sono arrivata dal Veneto a Torino e forse per questo non l'ho mai trovata chiusa o fredda, forse un po' borghese, ma abbastanza consona al mio carattere. Mi è sempre piaciuta molto con la sua storia, i suoi palazzi bellissimi, la sua cultura, però adesso mi piace molto di meno, l'etnicità la sta rovinando...ma il discorso sarebbe lungo.
    Molto bello il tuo commento.
    All'epoca erano momenti difficili, contestazione e rabbia e forse molti provavano i sentimenti del tuo scritto.

    RispondiElimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.