Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

04/03/13

NON HAI...

NON HAI...

Non hai avuto
nemmeno l'attimo di un respiro
o l'istante di una carezza.
Non hai avuto
il tocco delle labbra
per un bacio 
... di tenerezza.

Non hai sentito
nemmeno 
di un dolce
abbraccio il calore
e forse nemmeno il tempo
la tua nascita 
di "urlare".
Non hai sentito
nemmeno una prima lacrima
della tua mamma scivolare
sulla delicata pelle
della tua guancia 
rosea.

Non hai avuto nemmeno
un primo sorriso,
un primo sguardo d'amore,
un primo alito di vita,
un primo calore di seno,
un primo tocco di nutrimento
e amore tra le piccole labbra
bramose di gioia e vita!

...solo il tempo di essere scelto
per arricchire il nostro cielo
di una splendida stella in più
... cullata dalla luna!

4 Marzo 2013
Pino Palumbo

26 commenti:

  1. Ciao Pino, non so se pensavi al bimbo buttato nel cassonetto dentro a una borsa della spesa, a me ha fatto pensare a lui, "una splendida stella in più cullata dalla Luna "
    Ciao, buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
  2. Pino, ma è bellissima!!! mi piace anche l'immagine.
    buona serata ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Audrey
      Buona serata anche a te

      Elimina
  3. Risposte
    1. Visto a chi è rivolta è fin troppo poco triste!
      Ciao Carla

      Elimina
  4. Parole profonde, semplici ma toccanti.. che mi fanno tanto pensare a chi, da irresponsabile, permette al proprio figlio di morire in un cassonetto.. o in un armadio.. Un abbraccio, sei meraviglioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely...purtroppo succede ancora!
      Ciao

      Elimina
  5. a volte la vita non ti fa nascere ......e a volte la vita ti rifiuta buttandoti via .....due fatti che in un verso e nell'altro ti segnano sia che tu li vivi in prima persona sia che li senti al tg .....io ringrazierò perennemente chi mi ha donato il bene più prezioso che abbiamo ...la vita...

    una piccola nota stonata .....in queste righe

    Non hai sentito
    nemmeno di un dolce
    abbraccio il calore
    e forse nemmeno il tempo
    la tua nascita di "urlare".

    avei girato l'ultima frase ....se la leggi diretta ci si incespica ...se la giri anche nella prima lettura scorre veloce ......

    buona giornata pino ....un sorriso per te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io li ringrazierò per sempre...è bella la vita e rende ancora più triste pensare a chi non abbia avuto la possibilità di viverla che solo per qualche minuto
      Ciao Barbara

      Elimina
  6. ciao Pino, questa poesia e' da brividi pensando appunto a tutte le povere creaturine, troncate sul nascere, profonda dolcissima poesia, bello il finale, "essere scelto per arricchire il cielo con una splendida stella in piu' cullata dalla luna", complimenti, ciao grazie buona giornata rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosa...sì mettono i brividi questi pensieri!
      Ciao e buona serata

      Elimina
  7. Bellissima e triste... Tutti questi neonati "rifiutati"... Un periodo davvero brutto. Ciao a presto.
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtoppo ci sono sempre stati Ale...speriamo che si arrivi a ..."non rifiutarli" più
      Ciao

      Elimina
  8. Appena letta la prima riga ho pensato a quel bimbo partorito nel water qui a Roma. E a gli 100 come lui.
    Da brivido.
    Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed è a lui che l'ho scritta
      Ciao e grazie per il tuo apprezzamento

      Elimina
  9. Quando l'argomento di una poesia riguarda degli esseri innocenti ed è di particolare attualità, c'è sempre il rischio di scivolare nella retorica. Nel caso specifico, l'autore se ne guarda bene, elenca con soavi espressioni una serie di esperienze negate che alludono naturalmente alla privazione del bene più prezioso, la vita!
    Il brano raggiunge nel finale il proprio vertice lirico: "solo il tempo di essere scelto / per arricchire il nostro cielo / di una splendida stella in più / ... cullata dalla luna! ", una felice analogia, a significare che i bimbi mai nati meritano il cielo, di cui diventano le luminose stelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonio per il tuo apprezzamento...non avevo paura di essere banale, perché ho scritto le prime cose che ricordavo aver pensato... sentendo la notizia e quindi con molta naturalezza e senza tanta ricercatezza....purtroppo!
      Ciao e buona giornata

      Elimina
  10. Stavolta hai toccato un tema molto tosto. Bravissimo, Pino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Adriana...sì tosto davvero...per i nostri cuori!
      Ciao

      Elimina
  11. Storie terribili...

    E ci sono coniugi che vorrebbero un bambino e non arriva...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ingiustizie...mi chiedo a volte...terrene o...divine?
      E' in casi come questi che ...vacillo un po!
      Ciao Gianna

      Elimina
  12. Piange il mio cuore mentre leggo questi versi....quante, e quante storie orribili dobbiamo sentire ancora? Molto bella e sentita caro Pino.
    Il mio abbraccio unito a tanta commozione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...commozione...rabbia...e stanchezza!
      Non aggiungo altro...ripeterei cose scritte più su
      Ciao Paola

      Elimina
  13. Argomento delicato e quanto mai toccante: come sempre la tua maestria ha avuto la meglio!
    Un sereno poemeriggio...
    Ros

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ros...come vorrei però che la mia "maestria" la utilizzassi per altri temi...
      Ciao e grazie per essere passata.

      Elimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.