Parole: Graffiti che sporcano ... se non son d'autore i muri dell'esistenza! ©Pino Palumbo

05/11/12

PASSEGGIANDO AL CIMITERO IL GIORNO DEI DEFUNTI


Ode al silenzio”



Ode al silenzio
dei campi di fiori
gialli, bianchi,
amaranto e arancio
di crisantemi, gerbere
e margherite di tutti i colori.

Ode alla quiete
di viali cipressi
tigli, platani
e aceri multicolori;
tappeti di foglie
dai contorni multiformi
e tripudio di odori.

Ode al silenzio
e alla quiete
di fiammelle ondeggianti
di lumi verso il cielo
e pensieri in raccoglimento
e sospiri rasserenati,
...rasserenanti.

Ode al sospiro
e alla serenità
di anime giovani,
di anime vecchie,
di anime ormai
...senza più età.


Novembre 2012
Pino Palumbo
                                                                                                                    

37 commenti:

  1. Bravissimo Pino!!!Buona settimana,mandi!OLGA

    RispondiElimina
  2. Un'ode stupenda. Su cui riflettere. Buona settimana, caro Pino! :)

    RispondiElimina
  3. Da questa poesia si percepisce la quiete, la serenità Pino, il silenzioso rispetto che si "ascolta" in un cimitero…
    Hai descritto l'atmosfera splendidamente!
    Buona giornata a te Pino, e buon inizio settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sentirsi davvero "in pace" passeggiarci all'interno!
      Ciao Betty

      Elimina
  4. Bellissima.
    Il silenzio dei cimiteri in realtà è pieno di voci, riuscire a sentirle e saperle ascoltare è un dono prezioso, nell'attesa di unirsi a quel coro.
    Ciao, buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...sono d'accordo con te!
      Mi fa piacere che dopo molto tempo...ti rileggo e per ben 2 volte di seguito...ogni tanto anch'io faccio un giro da te!...anche se spesso non lascio traccia
      Ciao

      Elimina
  5. e che questa ode non si fermi solo al giorno dei defunti ....ma che questi colori di fiori profumati e di gente in rispettoso silenzio ci sia anche durante tutto l'anno ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo Barbara...risposta più ampia puoi leggerla sotto il commento da Paola...Ciao

      Elimina
  6. una poesia di ressegnata serenità,complimenti Pino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...oltre che rassegnata...aggiungerei..."assaporata serenità"
      Ciao

      Elimina
  7. Ciao Pino, complimenti per questa poesia veramente ispirata che vive le sensazioni e le accoglie con serenità!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e grazie per essere passata a leggermi
      Ciao...ancora arrabbiata per lo scambio che hai avuto da Gianna?!

      Elimina
  8. La tua ode è bella e sentita sicuramente, ma vorrei fosse così il giorno dedicato ai nostri morti; a me non piace più andare al cimitero quel giorno... C'è troppa confusione, non c'è modo di raccogliersi veramente , e vedere tutti quei fiori portati quel giorno per poi essere dimenticati, per il resto dell'anno insieme alle tombe dove sono stati messi, mi fa un po' male.... Comunque, questo mio modo di pensare, non toglie niente alla bellezza dei tuoi versi. Ciao Pino, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me non piace andare al cimitero in quel giorno (anche solo per il mio spirito contraddittorio innato) e infatti era domenica...ma era un po complicato scriverlo nel titolo del post e meno "efficace". Per quanto riguarda "il resto dell'anno" tra le visite a mia mamma e quelle ai genitori di mia moglie (sono 2 cimiteri diversi) io e mia moglie andiamo a portare loro un fiore almeno 2 volte al mese...è un "appuntamento" ...come andare al cinema ...ne abbiamo proprio l'esigenza e la voglia. E così facendo vediamo spesso ..."la dimenticanza di molti".
      Ho voluto proprio intitolare "passeggiando..." perché in effetti chi conosce il cimitero Sud di Torino...sa che porta a passeggiare "tra campi fioriti" e mano nella mano con mia moglie...troviamo sempre un attimo di serenità nel farlo.
      Ciao Paola...visto il poco tempo di questi giorni, ho voluto rispondere al tuo commento perchè nella mia risposta potevo racchiudere tutto il significato che volevo dare alle mie parole...
      Ciao e grazie per lo spunto!
      A presto.

      Elimina
    2. Ho la fortuna di avere il cimmitero ad un 1 KM di distanza per cui mi è normale andare sempre ed a piedi ed i fiori freschi sono per tutto l'anno.
      Concordo nel dire che quel giorno è solo consumismo...i nosri cari vanno ricordati sempre.
      ciaooooo

      Elimina
  9. Questi giorni sono stati momenti di raccoglimento che in fondo dovremme avere sempre.
    Come sempre complimenti per la tua immediata poesia. ciaooooo

    RispondiElimina
  10. Bellissima, intensa!!
    Davvero complimenti!!
    Un caro saluto:))

    RispondiElimina
  11. bellissima ode ai nostri cari che non ci sono più.
    Grazie Pino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a te Vaty...sono contento di leggere ogni tanto un tuo passaggio

      Elimina
  12. Ciao Pino grazie per questa poesia dedicata
    al luogo dove tutti noi prima o poi andremo a riposare
    buona serata

    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh...meglio "tardi che...prima" non diceva proprio così il detto ma lo adattiamo!
      Ciao Tiziano

      Elimina
  13. Un'ode significativa che ci fa riflettere, adatta a questi giorni, in cui tutti noi abbiamo fatto un'analisi introspettiva sulla nostra realtà quotidiana forse a volte superficiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...vuole solo essere testimonianza di presa di coscienza!
      Ciao

      Elimina
  14. Molto bella e piena di serenità.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...perché è proprio così che ci si sente!
      Ciao Antonella

      Elimina
  15. Mi piace molto questa tua ode.
    Complimenti.
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che tu abbia apprezzato...grazie e ciao

      Elimina
  16. Un ode stupenda per ricordare i nostri cari che si sono momentaneamente allontanati da noi. Buona serata a te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te per aver apprezzato
      Ciao e a presto

      Elimina
  17. Un'ode splendida che parla della morte con grande dolcezza, così da "rasserenare" l'anima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è così secondo me che ci si dovrebbe sentire...rasserenati...
      Ciao Ambra
      A presto.

      Elimina
  18. Dolcissima ode ... mi ha messo i brividi...
    Un abbraccio...

    RispondiElimina

Leggerlo sarà per me un piacere. Grazie.